Image1\
 

L'Associazione Patrizia Orrigo si propone di:

- Ricercare fondi da investire sulla ricerca della cura per il TUMORE POLMONARE A PICCOLE CELLULE DEL POLMONE

- Divulgare l'importanza della lotta al TABAGISMO

- Intensificare la PREVENZIONE delle patologie fumo-correlate

- Ricercare fondi da investire sulla formazione di personale esperto nel fornire supporto psicologico ai pazienti ammalati di patologie tumorali polmonari

LA MALATTIA

Il TUMORE POLMONARE A PICCOLE CELLULE DEL POLMONE o MICROCITOMA (SCLC) è una neoplasia che origina dalle cellule neuroendocrine dei grossi bronchi polmonari e che rappresenta circa il 20-25% di tutte le neoplasie del polmone. Lo caratterizzano l'elevata aggressività e la precoce capacità di dare metastasi, tanto che la soluzione chirurgica non è quasi mai praticabile.

Il MICROCITOMA POLMONARE è molto sensibile alla chemioterapia ed alla radioterapia (proprio grazie all'elevata cinetica cellulare) e pertanto, in genere, risponde brillantemente ad un primo approccio terapeutico.

Il trattamento farmacologico di prima linea prevede la somministrazione sistemica per via endovenosa di due farmaci chemioterapici: CISPLATINO o CARBOPLATINO ed ETOPOSIDE.

L'associazione dei due farmaci rappresenta lo standard terapeutico di prima linea fin dal 1985, poichè da allora non sono stati registrati, diversamente da quanto accaduto in altre patologie neoplastiche, importanti progressi nel trattamento del microcitoma.

Caratteristica di tale patologia è la sua spiccata tendenza a recidivare (anche dopo una risposta completa radiologica) cioè quando ad una restadiazione dopo trattamento non sono più visivbili delle masse).

Questo perchè residuano MICROFOCI TUMORALI costituiti da cellule resistenti ai trattamenti impiegati e tali cellule residue tendono alla ricrescita.

In questi casi, se il paziente presenta ancora buone condizioni cliniche, è possibile somministrare ulteriori cicli chemioterapici con farmaci alternativi e di efficacia minore.

Il FUMO DI SIGARETTA costituisce il principale fattore di rischio per l'insorgenza del microcitoma, tanto da sospettare un errore diagnostico se riscontrato in soggetti non fumatori. Ulteriori fattori di rischio sono l'esposizione al RADON e all'ASBESTO (amianto bruno).

I fondi per la ricerca sul carcinoma polmonare a piccole cellule sono tra i più esigui tanto che può essere considerata una patologia orfana.

Il TABACCO provoca più decessi di alcool, aids, droghe, incidenti stradali e omicidi messi insieme. Si stima che siano attribuiti al fumo di tabacco in Italia 80.000 morti l'anno

L'ASSOCIAZIONE

Associazione NO-PROFIT nata il 9 Gennaio 2012 per la raccolta fondi da destinare alla ricerca e cura del Microcitoma Polmonare.

L'idea di far nascere un'associazione per la ricerca sul microcitoma polmonare nasce dalla storia di Patrizia Orrigo ammalatasi, come raramente accade, di tale patologia all'età di 18 anni e deceduta due anni dopo. Durante il periodo della malattia, Patrizia ha brillantemente conseguito il diploma di scuola superiore ed ha superato gli esami di selezione per l'ammissione alla Facoltà di Medicina e Chirurgia.

Sognava di contribuire ai progressi della scienza, sognava di aiutare gli altri.